Ti trovi in: Home - Documentazione - Accordi preventivi per le imprese con attività internazionale

Accordi preventivi per le imprese con attività internazionale

L'articolo 31-ter del DPR 600/1973 prevede un nuovo strumento di dialogo tra Amministrazione finanziaria ed imprese che esercitano attività internazionale. In base alla nuova disciplina, le imprese con attività internazionale hanno la facoltà di accedere ad una procedura finalizzata alla stipula di accordi preventivi, con principale riferimento ai seguenti ambiti:

  • regime dei prezzi di trasferimento
  • determinazione dei valori di uscita o di ingresso in caso di trasferimento della residenza
  • attribuzione di utili o perdite alla stabile organizzazione
  • valutazione preventiva della sussistenza dei requisiti, che configurano una stabile organizzazione
  • erogazione o percezione di dividendi, interessi, royalties e altri componenti reddituali.

Le disposizioni attuative della disciplina degli accordi preventivi sono state dettate dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 21 marzo 2016 numero 42295, che stabilisce le modalità operative per l’accesso alla procedura.

Per accedere alla procedura le imprese indirizzano un’istanza al seguente ufficio:

  • Ufficio Accordi preventivi e controversie internazionali dell’Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Accertamento, Settore Internazionale, sezione di Roma, Via Cristoforo Colombo, 426 c/d oppure sezione di Milano, Via Manin, 25.

L’istanza è redatta in carta libera e può essere inoltrata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento o a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo: dc.acc.accordi@pec.agenziaentrate.it o tramite consegna diretta all’Ufficio, che ne rilascia ricevuta all’atto della presentazione.

Copia dell'istanza e della relativa documentazione sono prodotte anche in formato elettronico.

L’Ufficio, entro 30 giorni dal ricevimento dell’istanza (ovvero dall’ultimazione dell’ulteriore attività istruttoria necessaria a tal fine), valutata ed accertata la sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi (nonché delle ulteriori condizioni richieste), dichiara l’ammissibilità della stessa con comunicazione inviata al soggetto istante.

Ultimata l’attività istruttoria, l’Ufficio invita l’impresa a comparire per mezzo del legale rappresentante ovvero di un procuratore, al fine di verificare la completezza delle informazioni fornite, di formulare eventuale richiesta di ulteriore documentazione e di definire i termini di svolgimento del procedimento in contraddittorio. Il procedimento può articolarsi in più incontri. Nel corso del procedimento, l’Ufficio può accedere presso le sedi di svolgimento dell’attività dell’impresa o della stabile organizzazione, nei tempi con questa concordati, allo scopo di prendere diretta cognizione di elementi utili ai fini istruttori.

Di ogni attività, svolta in contraddittorio, è redatto processo verbale, copia del quale è rilasciata al soggetto istante.

La procedura si perfeziona con la sottoscrizione del responsabile dell’Ufficio e del legale rappresentante (o di altra persona munita dei poteri di rappresentanza) dell'impresa, di un accordo nel quale vengono individuati e definiti gli elementi oggetto dell'istanza.

L'accordo acquista efficacia vincolante per entrambe le parti che lo hanno sottoscritto e rimane in vigore per il periodo di imposta nel corso del quale è stipulato e per i quattro periodi di imposta successivi.

Qualora l’accordo consegua da altri accordi conclusi con le autorità competenti di Stati esteri a seguito delle procedure amichevoli previste dalle convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni, lo stesso può avere efficacia anche in relazione ai periodi d’imposta precedenti non oltre, tuttavia, il periodo d’imposta in corso alla data di presentazione dell’istanza.

Per ulteriori informazioni relative alla procedura si rinvia al Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 21 marzo 2016 numero 42295.

Per eventuali comunicazioni è possibile inviare una mail al seguente indirizzo: dc.acc.accordi@agenziaentrate.it

Prima edizione bollettino ruling

Seconda edizione bollettino ruling

Normativa e Prassi

PDF

Provvedimento del 21/03/2016  - Disposizioni per l’attuazione della disciplina degli accordi preventivi per le imprese con attività internazionale (Pubblicato il 21/03/2016)