Ministero dell'Economia e delle Finanze ITA ENG

Informazioni generali - Istanza di scomputo delle perdite per i soggetti aderenti al Consolidato

Le società consolidanti possono chiedere lo scomputo delle perdite dai maggiori imponibili derivanti da un accertamento fiscale. A stabilirlo l’articolo 35 del d.l. 78/2010.

Le nuove disposizioni sui controlli del consolidato consentono, attraverso l’emissione di un unico atto per la consolidata e la consolidante, di superare le numerose criticità del vecchio sistema, basato su un doppio livello di accertamento, come, per esempio, la moltiplicazione di adempimenti per i contribuenti e gli uffici, la diluizione dei tempi necessari per le eventuali definizioni e i rischi legati a più contenziosi.

Per l’istanza di scomputo delle perdite è necessario utilizzare un apposito modello (modello Ipec) approvato, con le relative istruzioni, con il Provvedimento del 20 ottobre 2014 (in sostituzione di modello e istruzioni approvati con Provvedimento del 29 ottobre 2010).

Il modello deve essere presentato dalla società consolidante, che può scegliere come e nei confronti di quali società controllate utilizzare le perdite del consolidato. La scelta di utilizzare le perdite presuppone un’attività di accertamento oppure una sua definizione concordata (accertamento con adesione, adesione ai verbali di constatazione, ecc.). La tipologia di atto dal quale derivano i maggiori imponibili condiziona anche i termini di presentazione della domanda.

Menu di Istanza di scomputo delle perdite per i soggetti aderenti al Consolidato (modello Ipec)