Ti trovi in: Home - Documentazione - 5 per mille - 5 per mille 2008 - Ammissione al beneficio delle Fondazioni riconosciute per gli anni 2007 e 2008: le modalità per l'integrazione documentale delle domande regolarmente presentate - Ammissione al beneficio delle Fondazioni riconosciute per gli anni 2007 e 2008: le modalità per l’integrazione documentale delle domande regolarmente presentate

Ammissione al beneficio delle Fondazioni riconosciute per gli anni 2007 e 2008: le modalità per l’integrazione documentale delle domande regolarmente presentate

Il decreto legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito con modificazioni dalla legge 22 maggio 2010, n. 73, ha modificato l’articolo 1, comma 1234, lettera a), della legge 26 dicembre 2006, n. 296, e l’articolo 3, comma 5, lettera a), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, ampliando le tipologie degli enti del volontariato ammessi al beneficio del cinque per mille per gli esercizi finanziari 2007 e 2008, con l’introduzione di specifiche disposizioni a favore delle fondazioni riconosciute.

Sono stati, pertanto, ammesse al riparto:

  1. per l’esercizio finanziario 2007 (anno d’imposta 2006) le fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10, comma 1, lettera a), del d.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 (art. 2,comma 4-quinquiesdecies, del decreto legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito con modificazioni dalla legge 22 maggio 2010, n. 73)
  2. per l’esercizio finanziario 2008 (anno d’imposta 2007) le fondazioni riconosciute che, senza scopo di lucro, operano in via esclusiva o prevalente nei settori di cui all’art. 10, comma 1, lettera a), del d.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 (art. 2,comma 4-sexiesdecies, del decreto legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito con modificazioni dalla legge 22 maggio 2010, n. 73)

 

Anno finanziario 2007

Le fondazioni riconosciute che avevano prodotto tempestivamente la domanda di iscrizione nell’elenco del volontariato del cinque per mille per l’esercizio finanziario 2007 (inserite nell’elenco dei soggetti esclusi dal beneficio), per essere ammesse al riparto, devono trasmettere, a mezzo raccomandata a r.r. alla competente Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito hanno la propria sede legale, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il possesso – sia alla data di invio della domanda telematica, sia alla data del 30 giugno 2007 – dei requisiti previsti.

La dichiarazione – redatta su modulo conforme al modello (allegato 2 al DPCM 16 marzo 2007) – deve essere spedita, a pena di decadenza, entro il 30 giugno 2010. Alla stessa dichiarazione occorre allegare, sempre a pena di decadenza, copia fotostatica del documento di riconoscimento del legale rappresentante dell’ente che sottoscrive la dichiarazione.

I soggetti esclusi per aver presentato la dichiarazione sostitutiva oltre il termine originario del 30 giugno 2007 non sono tenuti a produrre una nuova dichiarazione sostitutiva purché quella originariamente prodotta risulti completa di tutte le indicazioni necessarie, circa il possesso dei requisiti, e corredata dalla copia del documento del legale rappresentante dell’ente firmatario della stessa.

 

Anno finanziario 2008

Le fondazioni riconosciute che hanno prodotto tempestivamente la domanda telematica di iscrizione nell’elenco del volontariato del cinque per mille per l’esercizio finanziario 2008 (inserite nell’elenco dei soggetti esclusi dal beneficio), per essere ammesse al riparto, devono trasmettere, a mezzo raccomandata a r.r., alla competente Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito hanno la propria sede legale, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il possesso – sia alla data di invio della domanda telematica, sia alla data del 30 giugno 2008 – dei requisiti previsti.

La dichiarazione – redatta su modulo conforme al modello (allegato 2 al DPCM 19 marzo 2008) – deve essere spedita, a pena di decadenza, entro il 30 giugno 2010. Alla stessa dichiarazione occorre allegare, sempre a pena di decadenza, copia fotostatica del documento di riconoscimento del legale rappresentante dell’ente che sottoscrive la dichiarazione.

I soggetti esclusi per aver presentato la dichiarazione sostitutiva oltre il termine originario del 30 giugno 2008 non sono tenuti a produrre una nuova dichiarazione sostitutiva purché quella originariamente prodotta risulti completa di tutte le indicazioni necessarie, circa il possesso dei requisiti, e corredata dalla copia del documento del legale rappresentante dell’ente firmatario della stessa.

 

Le competenti Direzioni Regionali provvederanno al censimento ed alla validazione delle dichiarazioni sostitutive pervenute ed al controllo delle stesse secondo i criteri dettati dai DPCM del 16 marzo 2007 (per l’esercizio finanziario 2007) e del DPCM 19 marzo 2008 (per l’esercizio finanziario 2008).