Ministero dell'Economia e delle Finanze ITA ENG

Ti trovi in: Home - Documentazione - Osservatorio del Mercato Immobiliare - Banche dati - Quotazioni immobiliari

Comuni con Quotazioni non disponibili per eventi sismici

Provincia di L’Aquila

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nelle zone centrali (zone B1 e B2) del comune di L’Aquila ed alcune zone dei comuni di Castelvecchio Subequo, Fagnano Alto, Fossa, Goriano Sicoli, Lucoli, Navelli, Ocre, Poggio Picenze, San Pio delle Camere, Sant’Eusanio Forconese, Tione degli Abruzzi e Villa Sant’Angelo, nelle quali il mercato immobiliare rimane ancora sensibilmente condizionato dagli effetti del sisma del 6 aprile 2009. Inoltre, è sospesa la rilevazione nei comuni di Campotosto, Capitignano, Montereale, nei quali il mercato immobiliare risulta condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016


Provincia di Modena

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione delle quotazioni nei comuni di Camposanto, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Prospero, San Possidonio ed in alcune zone dei comuni di Bomporto e Soliera, in cui il mercato immobiliare risulta ancora particolarmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012


Provincia di Ascoli Piceno

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nei comuni di Acquasanta Terme, Amandola, Arquata del Tronto, Belmonte Piceno, Comunanza, Cossignano, Falerone, Force, Massa Fermana, Monsapietro Morico, Montalto delle Marche, Montappone, Monte Rinaldo, Monte Vidon Corrado, Montedinove, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montegallo, Montegiorgio, Monteleone, Montelparo, Montemonaco, Ortezzano, Palmiano, Roccafluvione, Rotella, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano, Smerillo e Venarotta, in cui il mercato immobiliare risulta sensibilmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016.


Provincia di Macerata

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nei comuni di Acquacanina, Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Colmurano, Fiastra, Fiordimonte, Gagliole, Gualdo, Monte Cavallo, Monte San Martino, Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana, Pioraco, San Ginesio, San Severino Marche, Sant'Angelo in Pontano, Sarnano, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Tolentino, Ussita, Visso, nei quali il mercato risulta sensibilmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016


Provincia di Perugia

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nei comuni di Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant'Anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Vallo di Nera, nei quali il mercato immobiliare risulta sensibilmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016


Provincia di Rieti

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nei comuni di Accumoli, Amatrice, Antrodoco, Borbona, Borgovelino, Castel Sant’Angelo, Cittareale, Leonessa, Micigliano, Posta e nella zona centrale (zona B1) del comune di Rieti, in cui il mercato immobiliare risulta sensibilmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016


Provincia di Teramo

Nel 1° semestre 2017 resta sospesa la rilevazione nelle zone centrali (zone B2) dei comuni di Montorio al Vomano, Castelli e Isola del Gran Sasso d’Italia, in cui il mercato immobiliare risulta sensibilmente condizionato dagli effetti degli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre 2016