Menu della sezione Depositi fiscali - Costituzione garanzia per l’estrazione di carburanti

Depositi fiscali - Costituzione garanzia per l’estrazione di carburanti - Che cos'è

I contribuenti in possesso di determinati requisiti di affidabilità o in presenza di un’idonea garanzia possono immettere in consumo da un deposito fiscale, o estrarre da un deposito di un destinatario registrato, benzina e gasolio per autotrazione senza pagare l’Iva.

Modalità di costituzione della garanzia

La garanzia deve essere presentata sotto forma di

  • cauzione in titoli di stato o garantiti dallo stato, al valore nominale
  • fideiussione bancaria o rilasciata da un’impresa commerciale ritenuta solvibile dall’Amministrazione finanziaria
  • polizza fideiussoria rilascia da un’impresa di assicurazione.

Per le piccole e medie imprese, la garanzia può essere prestata anche dai consorzi o dalle cooperative di garanzia collettiva fidi iscritti nell’apposito Albo.

Per i gruppi di società, con patrimonio superiore a 250 milioni di euro, la garanzia, invece, può essere prestata mediante diretta assunzione della capogruppo o della controllante dell’obbligazione di integrale restituzione della somma da versare all’Amministrazione finanziaria.

Con provvedimento dell’Agenzia del 1° marzo 2018 sono stati approvati i modelli da utilizzare per la costituzione della garanzia e le condizioni generali che regolano il rapporto tra il soggetto che rilascia la garanzia, o presso cui è istituito il deposito vincolato, e l’Agenzia delle Entrate.