Menu della sezione Costituzione del Gruppo IVA

Risposte alle domande più frequenti

Come deve essere esercitata in sede di costituzione del Gruppo IVA l’opzione per la dispensa dagli adempimenti per le operazioni esenti, di cui all’articolo 36-bis del d.P.R. n. 633 del 1972, solo per una o più attività gestite con contabilità separata?

Qualora il Gruppo IVA intenda avvalersi dell’opzione per la dispensa dagli adempimenti per le operazioni esenti, di cui all’articolo 36-bis del d.P.R. n. 633 del 1972, solo per una o più delle diverse attività gestite con contabilità separata, il rappresentante del Gruppo IVA dovrà barrare nel frontespizio del modello AGI/1 la casella “Opzione 36-bis” (presente nella sezione “Dati relativi al Gruppo IVA”). Tale indicazione non comporterà l’applicazione dell’opzione di cui al citato articolo 36-bis per tutte le attività eventualmente svolte dal Gruppo IVA ma sarà limitata alle sole attività separate per le quali intenderà avvalersi della dispensa degli adempimenti per le operazioni esenti.

Come devono essere indicate nel quadro B le attività svolte dal Gruppo IVA quando sia esercitata l’opzione per l’applicazione separata dell’IVA di cui all’articolo 36 del d.P.R. n. 633 del 1972 e in base a tale opzione, come riconosciuto dalla circolare n. 19/E del 31 ottobre 2018, l’IVA sia applicata separatamente per più attività aventi lo stesso codice ATECO o l’attività avente lo stesso codice ATECO sia svolta da più soggetti per cui l’imposta è applicata separatamente?

Il quadro B si limita a chiedere quanto previsto dalla lettera d) del comma 2 dell’articolo 70-quater del d.P.R. n. 633/1972, e cioè l’elenco delle attività che saranno svolte dal Gruppo IVA. Se un dato codice ATECO si riferisce a più attività per cui, per una o più di esse, l’imposta è applicata separatamente, tale codice andrà riportato in un solo rigo indicando nella descrizione dell’attività quella principale relativa al codice stesso. Del pari, ove un’attività avente lo stesso codice ATECO sia svolta da più società per cui l’imposta è applicata separatamente il codice ATECO andrà riportato in un solo rigo. In entrambi i casi, nel rigo del quadro B in cui è riportato detto codice ATECO va barrata la casella di colonna 4, per l’esercizio dell’opzione per l’applicazione separata dell’IVA, indipendentemente dal numero delle attività ricomprese nel medesimo codice ATECO per cui l’IVA è applicata separatamente.