Registrazione atti

Qualora si intenda procedere alla registrazione di un atto, la documentazione può essere inviata attraverso i diversi canali di contatto a disposizione. In ogni caso, il contribuente dovrà, al termine del periodo emergenziale, depositare in ufficio un originale dell’atto registrato, insieme ai contrassegni telematici attestanti il pagamento dell’imposta di bollo, se dovuta.

Alla richiesta di registrazione, devono essere sempre allegati:

  • copia (scansione) dell’atto originale da registrare
  • il modello 69 di richiesta di registrazione (firmato)
  • la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui il richiedente dichiara di essere in possesso dell’originale dell’atto e che l’immagine inviata è conforme al predetto originale
  • l’impegno del richiedente a depositare in ufficio un originale dell’atto
  • la copia del documento di identità del richiedente
  • il modello di versamento dei tributi dovuti per la registrazione.

Per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili, insieme agli altri allegati, deve essere utilizzato il modello RLI. Il modello 69 potrà essere utilizzato, invece, per comunicare eventuali riduzioni del canone che hanno interessato il contratto di locazione del quale andranno evidenziati gli estremi di registrazione.

Si ricorda che i contratti di locazione o d’affitto possono essere registrati online utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia (modalità obbligatoria per gli agenti immobiliari e i possessori di almeno 10 immobili).

Il contribuente può rivolgersi a un contact center per qualsiasi esigenza informativa.

per richiedere il servizio con modalità semplificata
Trova qui e-mail e PEC degli uffici
per accedere con modalità telematiche
Vai al servizio (area riservata)
Contact center
Trova qui i contatti
per recarsi in ufficio
Trova qui gli indirizzi