Menu della sezione Crediti d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro e per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione

Credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro

Contribuenti interessati

Soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione in luoghi aperti al pubblico,  associazioni, fondazioni ed  enti privati, compresi gli enti del Terzo settore

Nello stesso periodo è possibile presentare

  • una nuova comunicazione che sostituisce integralmente quella già trasmessa. Se l’ultima comunicazione inviata contiene le spese relative a entrambi i crediti d’imposta e la comunicazione successiva si riferisce solo a uno dei due, per l’altro credito d’imposta resta  comunque valida l’ultima comunicazione
  • la rinuncia integrale al credito d’imposta precedentemente comunicato.

La comunicazione sostitutiva e la rinuncia non sono ammesse se il credito precedentemente comunicato risulti ceduto.

I soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni indicano, nell’apposito campo del modello di comunicazione, il tipo di attività economica svolta, rappresentato da uno dei codici riportati nell’elenco allegato al provvedimento del 10 luglio 2020. Nel caso in cui il codice indicato non risulti associato al soggetto beneficiario in base a quanto comunicato all’Agenzia delle entrate con i modelli AA7/AA9, la Comunicazione è scartata.

Ammontare del credito

L’ammontare massimo fruibile da ciascun beneficiario è pari al 60% delle spese complessive risultanti dall’ultima comunicazione validamente presentata, in assenza di successiva rinuncia. L’ammontare massimo delle spese ammissibili non può eccedere il limite di 80.000 euro.

Il credito d’imposta, fino all’ammontare massimo fruibile, può essere utilizzato esclusivamente in compensazione dal 1° gennaio 2021 e fino al 31 dicembre 2021.

Cessione del credito

Fino al 31 dicembre 2021 i soggetti aventi diritto al credito d’imposta possono optare per la cessione, anche parziale, del credito stesso ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito e altri intermediari finanziari. La cessione può riguardare esclusivamente la quota del credito relativa alle spese effettivamente sostenute, nei limiti dell’importo fruibile. Il soggetto beneficiario del credito può utilizzare per la cessione il servizio web dedicato disponibile nell’area autenticata.

La comunicazione della cessione del credito può essere inviata dal 1° ottobre 2020.