Menu della sezione Credito d'imposta in favore di imprese turistiche per i canoni di locazione di immobili

Credito d'imposta in favore di imprese turistiche per i canoni di locazione di immobili

Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2022

L’art. 5 del decreto-legge 27 gennaio 2022, n. 4, ha previsto che il credito d’imposta di cui all’art. 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, spetti alle imprese del settore turistico nonché a quelle dei settori di cui al codice ATECO 93.11.20 - Gestione di piscine, con le modalità e alle condizioni ivi indicate in quanto compatibili, in relazione ai canoni versati con riferimento a ciascuno dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022.

Le disposizioni di cui al citato art. 5 si applicano nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final «Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19», come modificata con la Comunicazione C(2021) 8442 del 18 novembre 2021 (di seguito “Temporary Framework”).

La presente misura è stata autorizzata dalla Commissione europea con la decisione C(2022) 3099 final del 6 maggio 2022. In conformità a quanto disposto dal punto 14 della citata decisione, il credito d’imposta può essere riconosciuto solo per i canoni di locazione pagati entro il 30 giugno 2022.

Al fine di utilizzare il credito d’imposta, i beneficiari sono tenuti a presentare all’Agenzia delle entrate un’autodichiarazione attestante il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dalle Sezioni 3.1 «Aiuti di importo limitato» e 3.12 «Aiuti sotto forma di sostegno a costi fissi non coperti» del Temporary Framework.

In caso di locazione, i soggetti beneficiari possono optare, in luogo dell'utilizzo diretto, per la cessione del credito d'imposta al locatore, previa sua accettazione, in luogo del pagamento della corrispondente parte del canone. I cessionari utilizzano il credito con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente.

Con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 30 giugno 2022 sono stati individuati i termini e le modalità di presentazione  dell’Autodichiarazione nonché il relativo contenuto. L’Autodichiarazione può essere inviata esclusivamente con modalità telematiche, direttamente dal beneficiario oppure tramite un soggetto incaricato della trasmissione delle dichiarazioni.