Emergenza Coronavirus: Servizi “agili” e modalità di accesso agli uffici

Richiesta servizi in modalità semplificata

Per tutta la durata dell'emergenza sanitaria, accanto agli ordinari canali telematici, l’Agenzia ha introdotto temporaneamente procedure semplificate per richiedere alcuni servizi, normalmente erogati allo sportello, tramite telefono, e-mail o pec.
Per maggiori informazioni:
Guida ai servizi agili
Come richiedere i servizi essenziali in modalità semplificata (presentazione realizzata con la collaborazione della DR Emilia-Romagna)

Per le richieste di informazioni e servizi utilizzare questi recapiti:

Direzione Provinciale di Perugia

Centralino
: 0759110111
Posta elettronica: dp.perugia@agenziaentrate.it
PEC: dp.Perugia@pce.agenziaentrate.it

--------------------------------------------------------------------------------

Direzione Provinciale di Terni

Centralino: 07443961
Posta elettronica: dp.terni@agenziaentrate.it
PEC: dp.Terni@pce.agenziaentrate.it

 

Chiusure pomeridiane degli UT e sospensione temporanea degli sportelli remotizzati

Per contenere il rischio di diffusione del contagio da Coronavirus, gli Uffici dell'Umbria sono aperti al pubblico con orari ridotti. In particolare:

  • per gli Uffici Territoriali è stata disposta la chiusura pomeridiana fino alla conclusione dell'emergenza
  • è sospesa anche la ricezione di documenti presso la Direzione regionale negli orari pomeridiani. Gli uffici restano aperti la mattina con i consueti orari per la ricezione degli atti
  • sono temporaneamente chiusi gli sportelli remotizzati attivi presso i Comuni di Amelia, Bastia Umbra, Cascia, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Gubbio, Marsciano, Todi e Umbertide. La chiusura opererà fino alla conclusione dell'emergenza.

Accesso programmato ai servizi di consultazione e certificazione ipotecaria

Programmato presso le Conservatorie un servizio di “prenotazione degli accessi” nel caso in cui sia necessario consultare materiale archiviato in forma cartacea (titoli non telematici e note ante 1970).
Maggiori dettagli sono riportati nella lettera inviata agli Ordini Professionali dell'Umbria il 14 maggio 2020.