Procedura di controllo degli Studi di settore e dei Parametri allegati ai modelli Unico 2016

Versione software: 1.0.5 del 15/03/2017

Le procedure di controllo consentono di evidenziare, mediante appositi messaggi di errore, le eventuali anomalie o incongruenze riscontrate tra i dati contenuti nel modello di dichiarazione e nei relativi allegati e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche di Gerico 2016 e dalle specifiche tecniche relative ai controlli telematici.

L'installazione della "Procedura di controllo Studi di settore/Parametri" è necessaria per controllare le dichiarazioni Unico 2016 contenenti gli allegati relativi agli studi di settore ed ai parametri.

Per controllare dichiarazioni prive di tali allegati, è sufficiente l'installazione della sola "Procedura di controllo Dichiarazioni".

Il controllo di una dichiarazione contenente gli allegati degli studi di settore o dei parametri, effettuato in assenza dell'installazione della "Procedura di controllo Studi di settore/Parametri" , ne determina lo scarto e, conseguentemente, il non inserimento della stessa nel file contenente le sole dichiarazioni conformi (file con estensione dcm). Di tale situazione viene comunque data evidenza nel diagnostico generato dalla procedura di controllo.

Controllo Studi di settore/Parametri

La procedura disponibile è quella relativa ai seguenti allegati:

  • modelli di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore - per i 204 studi di settore in vigore applicabili per l’annualità 2016;
  • modelli Parametri.

Specifiche tecniche relative all'invio telematico degli allegati da Studi di Settore (approvate con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 15 febbraio 2016 e successivamente modificate ai sensi del punto “4. Correzioni alle specifiche tecniche ed ai controlli di coerenza” del citato Provvedimento)

La versione è disponibile sia per utenti non abilitati al Servizio Telematico sia per utenti che inviano tramite Internet o abilitati al Servizio Telematico (Entratel).

Per utenti abilitati al Servizio Telematico

Dal 1 dicembre 2016 l'applicativo Entratel non è stato più aggiornato e, al suo posto, è necessario installare il "Desktop Telematico", uno strumento più moderno e funzionale che accoglie le applicazioni distribuite dall'Agenzia delle Entrate per la gestione dei documenti inviati e ricevuti telematicamente (Entratel, FileInternet, e i vari moduli di controllo) e provvede a gestirne automaticamente tutti gli aggiornamenti.

Il Desktop Telematico è disponibile nella sezione Software - Desktop Telematico del sito web dei servizi telematici.

Per utenti non abilitati al Servizio Telematico

Per le modalità operative e per eseguire il software è necessario far riferimento alla pagina internet Procedure di controllo modelli 2016 - Utenti non abilitati al Servizio Telematico e selezionando il link Procedura di controllo relativa ai modelli 2016 eseguire il software.

Versione 1.0.5 del 15 marzo 2017:

  • per tutti gli studi che prevedono “Incoerenza B – Valore negativo del costo del venduto, comprensivo del costo per la produzione di servizi” è stata rimossa un’anomalia nella valutazione della coerenza economica.

Versione 1.0.4 del 18 ottobre 2016:

  • per lo studio WG68U la soglia minima dell'indicatore di coerenza economica "Costo per litro di benzina o gasolio consumato durante il periodo di imposta" è stata posta pari a 1,15 come previsto dal Decreto Ministeriale 26 settembre 2016.

Versione 1.0.3 del 29 agosto 2016:

  • per 21 studi di settore applicabili alle attività di lavoro autonomo con modello di stima "a costi" (11 del comparto dei professionisti, risultando escluso lo studio VK28U, e 10 del comparto dei servizi) è stato inserito un controllo, all'interno del calcolo del correttivo di quinto livello (correttivo congiunturale individuale), per il numero di soci o associati dichiarati dal contribuente nel Quadro T. In particolare è previsto che il numero dei soci o associati non possa essere inferiore a 1, coerentemente con il controllo previsto in fase di compilazione del campo omologo del Quadro A degli stessi studi, presente nelle versioni di GERICO applicabili alle annualità di imposta 2012, 2013 e 2014.

Versione 1.0.2 del 12 luglio 2016:

  • per lo studio WG34U è stato sostituito il controllo bloccante "Se i Giorni di apertura nel periodo d'imposta sono compilati allora deve essere compilata almeno una tra le Tariffe dei principali servizi: Taglio capelli - Uomo, Shampoo - Uomo, Taglio capelli - Donna, Messa in piega - Donna, Taglio capelli - Bambino, Shampoo – Bambino" con il seguente: "Almeno una tra le Tariffe dei principali servizi: Taglio capelli - Uomo, Shampoo - Uomo, Taglio capelli - Donna, Messa in piega - Donna, Taglio capelli - Bambino, Shampoo - Bambino deve essere compilata in almeno una unità locale destinata all’esercizio dell'attività (Quadro B)" per permettere il calcolo, in presenza di più unità locali, nel caso in cui, in una delle unità locali, non sia esercitata l'attività mappata dal controllo.
  • per lo studio WG55U è stato adeguato il controllo bloccante tra i campi D06401, relativo all'ammontare dell'IVA da pro-rata indetraibile parzialmente, e i campi F02201-F02202-F02203-F02204, relativi agli oneri diversi di gestione. Nelle versioni precedenti del software tale controllo puntava erroneamente il campo F00202, relativo agli altri proventi considerati ricavi di cui alla lettera f) dell'art. 85, comma 1, del TUIR, invece che il campo F02202, relativo alle spese per abbonamenti a riviste e giornali, acquisto di libri, spese per cancelleria.

Versione 1.0.1 del 27 giugno 2016:

  • Per lo studio WG39U è stata rimossa un'anomalia nella struttura della "Territorialità del livello medio delle retribuzioni definita su dati degli studi di settore" che inibiva il calcolo in riferimento a posizioni con nuovi Comuni.
  • Modificato il controllo relativo al rigo F33 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore con il rigo VE25 dell'IVA come di seguito riportato: "Il rigo F33 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore deve essere uguale al rigo VE25 dell'IVA, ad esclusione dei soggetti che hanno barrato la casella relativa al rigo F30 e/o hanno compilato il rigo VE38 dell'IVA".
  • Modificato il controllo relativo al rigo P28 campo 1 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione dei parametri con il rigo dell'IVA VE25 come di seguito riportato: "Il rigo P28 campo 1 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione dei parametri deve essere uguale al rigo VE25 dell'IVA ad esclusione dei soggetti che hanno barrato la casella relativa al rigo P25 e/o hanno compilato il rigo VE38 dell'IVA".
  • Modificato il controllo relativo al rigo P26 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione dei parametri con il rigo dell'IVA VE50 come di seguito riportato: "Il rigo P26 del modello dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione dei parametri deve essere uguale al rigo VE50 dell'IVA ad esclusione dei soggetti che hanno barrato la casella relativa al rigo P25".