Risposte alle domande più frequenti

Per fruire del servizio è necessario utilizzare idonee applicazioni, come i software GIS. Alcuni sono liberamente scaricabili da Internet.

No, il servizio è ad accesso libero, non è necessaria alcuna registrazione né disporre di credenziali.

Il servizio è realizzato secondo lo standard Web Map Service (WMS). Per accedervi è sufficiente effettuare le operazioni necessarie a configurare una qualsiasi connessione a un servizio standard WMS, riportate nella documentazione dello specifico software utilizzato. Il servizio è realizzato secondo modalità tali da rispettare gli standard di sicurezza più recenti (protocollo HTTPS TLS 1.2); si consiglia di consultare la documentazione del software per verificare che queste modalità siano supportate.

Il servizio è realizzato secondo modalità tali da rispettare lo standard Web Map Service (WMS) e i protocolli di sicurezza più recenti (HTTPS TLS 1.2). E' necessario consultare la documentazione del software per verificare che lo stesso supporti tali modalità e la necessità di eventuali specifiche procedure per la fruizione del servizio.

Ecco un esempio di richiesta GetMap: https://wms.cartografia.agenziaentrate.gov.it/inspire/wms/ows01.php?SERVICE=WMS&VERSION=1.3.0&REQUEST=GetMap&BBOX=12.47067418651901782,41.89666254472871287,12.47615685111776251,41.90105270407683236&CRS=EPSG:6706&WIDTH=1089&HEIGHT=872&LAYERS=CP.CadastralZoning,strade,acque,CP.CadastralParcel,fabbricati,vestizioni&STYLES=default&FORMAT=image/png&DPI=96&MAP_RESOLUTION=96&FORMAT_OPTIONS=dpi:96&TRANSPARENT=TRUE

Per poter fruire in maniera efficiente del servizio, il contenuto dei diversi livelli diventa progressivamente visibile effettuando zoom a scale maggiori (per esempio, più grandi di 1:200.000 per il livello Mappe, più grandi di 1:5000 per il livello Particelle). Per maggiori dettagli si può consultare il manuale Servizio di Consultazione della cartografia catastale - Web Map Service (WMS) Si ricorda, inoltre, che alcune zone potrebbero non essere visibili perché corrispondenti a mappe sottoposte a vincoli di riservatezza o sulle quali sono in corso interventi di manutenzione. Infine, per una corretta gestione, in alcuni software si consiglia di aggiungere i layer separatamente.

Non è attualmente possibile. Per alcuni scopi può essere utile regolare la trasparenza.

No, il servizio è attualmente disponibile nei sistemi di coordinate previsti dalle normative nazionali ed europee, come riportato nel manuale Servizio di Consultazione della cartografia catastale - Web Map Service (WMS)

Per il nuovo servizio di navigazione geografica è stata scelta, in sede di prima applicazione, la licenza che consente la condivisione ma non la modifica dei dati.

Per alcune mappe ricadenti in particolari zone del territorio nazionale, si possono riscontrare delle anomalie dovute alla metodologie utilizzate per la formazione, l'informatizzazione e l'aggiornamento della cartografia catastale. Per risolvere questi problemi, sono attualmente in corso importanti attività di processamento automatico e verifica manuale, basate sul recupero della precisione e sulla costruzione delle congruenze topologiche tra mappe contigue, mediante l'impiego delle mappe Originali di Impianto del Catasto.

Le acque e le strade sono rappresentate in Catasto secondo specifiche regole, solitamente differenti da quelle utilizzate per altre finalità cartografiche e sinteticamente descritte nel manuale Servizio di Consultazione della cartografia catastale - Web Map Service (WMS).

L'aggiornamento della cartografia catastale in relazione alle strade o agli edifici pubblici spetta per norma agli enti competenti, che in qualche caso non hanno provveduto. Sono attualmente in corso attività sperimentali volte a recuperare in maniera efficiente tali casistiche mediante l'utilizzo di ortofoto di precisione.

La segnalazione è inviata all'Ufficio-Territorio competente per le verifiche del caso.