Ti trovi in: Home - Documentazione - Servizio @e.bollo

Servizio @e.bollo

L’articolo 1, comma 596, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 ha previsto che, al fine di consentire a cittadini e imprese di assolvere per via telematica a tutti gli obblighi connessi all'invio di una istanza a una Pubblica Amministrazione o a qualsiasi ente o autorità competente, con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, d’intesa con il Capo del Dipartimento della funzione pubblica, sono stabilite le modalità per il pagamento per via telematica dell'imposta di bollo dovuta per le istanze e per i relativi atti e provvedimenti, anche attraverso l'utilizzo di carte di credito, di debito o prepagate.

In attuazione di tale disposizione, il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 19 settembre 2014 ha disciplinato le modalità del Servizio @e.bollo.

Il Servizio consente l’acquisto della Marca da bollo digitale per l’assolvimento dell’imposta di bollo sulle richieste trasmesse in via telematica alla Pubblica Amministrazione e sui relativi atti rilasciati tramite canali telematici.

L’acquisto della Marca da bollo digitale, in una prima fase, sarà possibile esclusivamente sui siti internet delle Pubbliche Amministrazioni che offrono servizi interattivi di dialogo con gli utenti per la richiesta telematica e il rilascio dei documenti elettronici e che hanno aderito al Nodo dei Pagamenti dell'Agenzia per l'Italia Digitale (PagoPA) (punto 3.2 del provvedimento del 19 settembre 2014). Successivamente, saranno attivate anche le procedure di pagamento della Marca da bollo digitale direttamente presso gli intermediari abilitati, per le richieste e per i relativi atti scambiati via posta elettronica tra cittadini e Amministrazioni (punto 3.4 del provvedimento del 19 settembre 2014).

Per l’acquisto della Marca da bollo digitale, i cittadini potranno scegliere il prestatore di servizi di pagamento (cd. PSP, ossia i soggetti individuati dall’art. 114 sexies, del T.U. in materia bancaria e creditizia, approvato con d.lgs. n. 385/1993) presso il quale effettuare il pagamento on line, tra coloro che hanno aderito al Nodo dei Servizi di Pagamento-SPC messo a disposizione dall’Agenzia per l’Italia Digitale (cd. Nodo AgID) e hanno stipulato un’apposita convenzione con l’Agenzia delle Entrate.

A tal fine, il Direttore dell’Agenzia in data 30 dicembre 2015 (prot. 166199), ha sottoscritto digitalmente la Convenzione per adesione con i prestatori di servizi di pagamento per il Servizio @e.bollo , prevista dal citato provvedimento del 19 settembre 2014. La Convenzione prevede, in sintesi:

  • le modalità di adesione e di “gestione dell’utenza” dei singoli PSP
  • le modalità di acquisto, acquisizione, pagamento e conservazione dei codici identificativi necessari alla predisposizione, a cura dei PSP, delle marche da bollo digitali
  • le modalità di pagamento che il PSP mette a disposizione dei cittadini per l’acquisito delle Marche da bollo digitali

Soggetti interessati

Gli utenti coinvolti nel Servizio @e.bollo sono:

  • i cittadini e le imprese che devono assolvere l’imposta di bollo sulle istanze trasmesse in via telematica alla Pubblica Amministrazione e sui relativi atti
  • le Pubbliche Amministrazioni o qualsiasi Ente o Autorità competente che ricevono un’istanza per via telematica ed emettono i relativi atti o provvedimenti
  • i prestatori di servizi di pagamento convenzionati con l’Agenzia delle entrate per lo svolgimento del Servizio, che devono consentire il pagamento on line, assicurando la massima trasparenza per quanto riguarda, in particolare, gli strumenti di pagamento utilizzabili e gli eventuali costi connessi all’operazione di pagamento.

Per maggiori informazioni sulle modalità di adesione al Nodo dei pagamenti, sia per le Pubbliche Amministrazioni sia per i Prestatori di servizi di pagamento, nonché sui soggetti aderenti, è possibile consultare il sito internet dell’Agenzia per l’Italia Digitale (www.agid.gov.it).

Per maggiori informazioni per l’adesione alla Convenzione e l’attivazione del Servizio @e.bollo, i prestatori di servizi di pagamento possono rivolgersi alla propria associazione di categoria ovvero inviare una mail con i propri riferimenti all’Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo dc.ammpc.riar@agenziaentrate.it

Tempistica

I cittadini potranno utilizzare il Servizio a seguito dell’adesione dei prestatori di servizi di pagamento alla Convenzione con l’Agenzia delle Entrate e all’attivazione delle relative funzionalità, che presuppongono altresì l’offerta da parte delle PA di servizi interattivi di dialogo con gli utenti per la richiesta telematica e il rilascio dei documenti elettronici (ulteriori informazioni sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale).

Documenti