Ti trovi in: Home - Cosa devi fare - Aggiornare dati catastali e ipotecari - Variazioni colturali - Informazioni generali

Informazioni generali - Variazioni colturali

I soggetti che effettuano variazioni della coltura praticata su una particella di terreno, rispetto a quella censita nella banca dati del Catasto terreni, hanno l’obbligo di dichiarare queste variazioni, utilizzando il Software DOCTE 2.0 oppure il modello Dichiarazione variazione coltura - pdf

In ogni caso la dichiarazione va presentata al competente ufficio provinciale - Territorio dell'Agenzia.

Dal 1° gennaio 2007, nel caso in cui un soggetto dichiari correttamente l’uso del suolo sulle singole particelle catastali a un Organismo pagatore, riconosciuto ai fini dell’erogazione dei contributi agricoli, questo adempimento non è necessario.

Infatti, sulla base di tali dichiarazioni l’Agea - Agenzia per le erogazioni in agricoltura, ogni anno propone all’Agenzia delle Entrate l’aggiornamento della banca dati del Catasto Terreni.

In seguito all’aggiornamento, l’Agenzia delle Entrate pubblica nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana un comunicato con l’elenco dei Comuni interessati dalle variazioni colturali.

L’ultimo comunicato è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2015.

Per i 60 giorni successivi alla pubblicazione del comunicato, l’Agenzia rende disponibili gli elenchi delle particelle interessate dall’aggiornamento.

E’ possibile consultare l’elenco delle particelle interessate da queste variazioni colturali:

  • presso gli uffici provinciali - Territorio
  • presso il Comune interessato, nei 60 giorni successivi alla pubblicazione del comunicato nella Gazzetta Ufficiale
  • con il servizio di consultazione online.

Gli utenti possono segnalare eventuali incongruenze tra le informazioni da loro dichiarate e quelle presenti nella banca dati del Catasto terreni, mediante una richiesta di rettifica.