Ti trovi in: Home - Cosa devi fare - In caso di.... - Comunicazione di irregolarità - Scheda informativa - Come rateizzare le somme indicate nelle comunicazioni

Come rateizzare le somme indicate nelle comunicazioni

Il contribuente può chiedere di rateizzare le somme richieste nella comunicazione di irregolarità.

La rateizzazione può avvenire con le seguenti modalità:

  • fino a 5.000 euro, le somme possono essere rateizzate in un numero massimo di 6 rate trimestrali
  • oltre 5.000 euro, le somme possono essere rateizzate in un numero massimo di 20 rate trimestrali.

Le rate possono essere anche di importo decrescente, fermo restando il numero massimo previsto.

Con la legge n. 214/2011 sono state introdotte nuove disposizioni in materia di rateazione delle comunicazioni di irregolarità.

In particolare:

  • è stato eliminato l’obbligo di prestare garanzia nei casi in cui l’importo complessivo delle rate successive alla prima è superiore a 50.000 euro
  • è stata introdotta la possibilità di ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso per il ritardato pagamento delle rate successive alla prima.

Attenzione:
le nuove disposizioni si applicano anche alle rateazioni in corso al 28 dicembre 2011 (data di entrata in vigore della legge n. 214/2011).

Il mancato pagamento della prima rata entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione, o anche di una sola delle rate diverse dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva, fa perdere il beneficio della rateazione e l’importo dovuto (per imposte, interessi e sanzioni in misura piena), meno quanto già versato, è iscritto a ruolo.

Il pagamento tardivo di una rata diversa dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva comporta l’iscrizione a ruolo a titolo definitivo della sanzione (fino al 30% dell’importo della rata versata in ritardo) e degli interessi legali (2,5% fino al 31 dicembre 2013; 1% dal 1° gennaio 2014).

Tuttavia, se il contribuente si avvale del ravvedimento operoso entro il termine di pagamento della rata successiva, l’iscrizione a ruolo non viene eseguita.

Con la risoluzione n. 132/E del 29 dicembre 2011, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per il versamento delle sanzioni e degli interessi dovuti per il ravvedimento.

Le presenti disposizioni si applicano anche alle somme da versare a seguito del ricevimento di una comunicazione riguardante l’esito dell’attività di liquidazione effettuata sui redditi soggetti a tassazione separata.

Attenzione:
se si decade dal beneficio della rateizzazione, è possibile poi fruire della dilazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo e notificate con la cartella (Dl n. 16 del 02/03/2012).