Software per la compilazione dei documenti tecnici catastali - Docfa 4

Versione software 4.00.4 del 08/06/2017

Il software Docfa permette la compilazione del modello di "Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana".
Con questo modello si possono presentare al Catasto dichiarazioni di fabbricato urbano o nuova costruzione (accatastamento), dichiarazioni di variazione e di unità afferenti ad enti urbani.

Fino alla fine del mese di settembre 2017 sarà consentito al professionista di utilizzare, in via transitoria, anche la versione precedente (4.00.3) del software Docfa con la sola eccezione delle dichiarazioni finalizzate all’aggiornamento dei dati censuari relativi ai beni immobili costituenti infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione (cat. F/7), per le quali si dovrà, invece, utilizzare, a far data dal 3 luglio 2017, esclusivamente la nuova versione 4.00.4 del software.

A partire dal mese di ottobre 2017 si deve utilizzare, in modo tassativo, solo il nuovo software Docfa 4.00.4, e l’utilizzo del precedente non consentirà la predisposizione di documenti idonei all’accettazione presso gli Uffici Provinciali competenti per territorio.



Operazioni preliminari

Per eseguire il software è necessario utilizzare una Java Run Time (requisito minimo JRE 1.5 o superiore).


Requisiti

Requisiti hardware

  • Personal Computer con processore pentium o superiore
  • Personal Computer con la disponibilità di memoria RAM di 64 Mb
  • Hard disk con la disponibilità di 18 Mb
  • CD ROM drive
  • Stampante con driver compatibile MS/Windows.

Requisiti software

  • MS-Windows XP o superiori
  • Software per la lettura di file in formato PDF (stampa)


Software

Aggiornamento del 03/07/2017

Per predisporre l'ambiente del proprio PC allo scarico del prodotto è necessario

In questo modo si può installare direttamente la procedura eseguendo il file Docfa4.00.4-Setup.exe. Prima dell'utilizzo della procedura si invita a leggere il file LEGGIMI.TXT presente nella directory di installazione.
In caso di malfunzionamento o di errore durante la fase di installazione si ricorda che

  • è necessaria la creazione manuale della cartella di destinazione dell'applicazione e la ripetizione del set up per gli utenti che non hanno i privilegi di amministrazione del sistema operativo utilizzato (utenti di Windows Vista o Windows 7)
  • l’esecuzione della stampa e delle funzioni di import/export dei documenti sono subordinate all’installazione dell’ambiente operativo JAVA
  • per la funzione di import dei disegni nei formati vettoriali DXF e DWG è necessario che il file “ADINIT.DAT”, utilizzato dalla libreria di gestioni delle immagini, sia presente nella cartella di sistema “SYSTEM32” (tipicamente C:WindowsSystem32) se il sistema operativo del pc è a 32 bit; “sysWOW64” se il sistema operativo del pc è a 64 bit.

I documenti prodotti dalla procedura sono, oltre che in formato compresso per la presentazione agli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio dell'Agenzia, anche in formato PDF/A. Questo formato consente al professionista di visualizzare il contenuto del documento su cui appone la firma digitale ed è compatibile con le norme che regolano la conservazione sostitutiva dei documenti.

La procedura permette l'uso di nuovi stradari comunali certificati, dai quali selezionare gli indirizzi delle unità immobiliari presenti nell'atto di aggiornamento. I nuovi stradari vengono continuamente aggiornati, anche attraverso una collaborazione diretta con i comuni, responsabili del dato relativo alla toponomastica.

Guida al software Docfa

Di seguito è possibile scaricare la guida operativa del software in formato word


Archivi provinciali

Per il funzionamento del pacchetto è necessario scaricare l’archivio provinciale di riferimento che contiene le tariffe di estimo catastale, i prospetti per il classamento automatico, le sezioni relative ai comuni catastali, l'associazione per ogni comune tra fogli di mappa e zone censuarie, gli elenchi dei nomi delle strade per ogni comune.
Per predisporre l'ambiente del proprio PC al download del prodotto bisogna creare sul disco una directory in cui verrà scaricato il prodotto, ad esempio “c:archivi”.

  • in data 08/06/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Como;
  • in data 18/04/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Pesaro;
  • in data 05/04/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Palermo;
  • in data 29/03/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Como;
  • in data 17/03/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Palermo;
  • in data 22/02/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Como e Palermo;
  • in data 20/02/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Lecce;
  • in data 01/02/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Pistoia;
  • in data 26/01/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Siena;
  • in data 13/1/2017 sono stati pubblicati gli stradari aggiornati di tutte le province;
  • in data 03/01/2017 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Brescia;
  • in data 12/12/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Bergamo, Bologna e Oristano;
  • in data 28/10/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Lecce e Oristano;
  • in data 19/9/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Sondrio;
  • in data 18/8/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Mantova;
  • in data 05/8/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Ferrara;
  • in data 14/7/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Bergamo, Parma e Pavia;
  • in data 4/7/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Genova
  • ;
  • in data 28/6/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Pordenone;
  • in data 21/6/2016 sono stati pubblicati gli stradari aggiornati di tutte le province;
  • in data 14/6/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Padova;
  • in data 06/6/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Bergamo e Roma
  • in data 25/5/2016 è stato pubblicato lo stradario aggiornato per la provincia di Genova
  • in data 29/4/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Bergamo
  • in data 14/4/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per le province di Belluno, Bergamo, Frosinone, Padova, Rimini e Vibo Valentia
  • in data 13/4/2016 sono stati pubblicati gli archivi aggiornati per la provincia di Roma;
  • in data 15/3/2016 è stato pubblicato lo stradario aggiornato per la provincia di Cuneo;

Download archivi provinciali

nella directory scelta verrà scaricato il file "ARK_XX.ZIP", dove XX sta per la sigla della provincia (ad es. "ARK_RM.ZIP" per Roma).


Archivi comuni urbano e terreni

E’ necessario creare sul proprio disco una directory in cui verrà scaricato il prodotto, ad esempio “c:comuni”; decomprimere il file e con gli archivi così ottenuti ricoprire quelli esistenti nella directory di installazione della procedura Docfa.

Archivio comuni catasto urbano

Ultimo aggiornamento: 05/07/2017 provincia di Como.

Archivio comuni catasto terreni

Ultimo aggiornamento: 08/06/2017 provincia di Como.


Tracciati record e modelli

Tracciati record

Di seguito è possibile scaricare il file compresso contenente i tracciati record dell’applicativo, salvato in formato RTF.

Ultimo aggiornamento: 01/06/2017

Modelli

Di seguito è possibile scaricare i modelli dei riquadri, divisi per formato e scala, in cui inserire le planimetrie disegnate con prodotti CAD. I file, salvati informato dxf, sono leggibili anche con programmi CAD non recenti come, ad esempio, AutoCAD R12.

Aggiornamenti

Di seguito si riportano le novità previste per la redazione degli atti di aggiornamento con la nuova versione Docfa 4.00.4:

  • introduzione di una nuova categoria catastale denominata F/7 – Infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione nella quale possono essere censite, senza attribuzione di rendita catastale, ma con descrizione dei caratteri specifici della destinazione d’uso, le infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione, oggetto di dichiarazione in catasto;
  • aggiornamento delle tabelle di correlazione fra le Categorie catastali dei gruppi D ed E e le specifiche destinazione d'uso delle unità immobiliari
  • eliminazione del blocco che impedisce la chiusura della pratica Docfa per assenza dell’elaborato planimetrico e per la mancata associazione alle entità tipologiche nell’elenco subalterni per il solo caso di nuova costruzione di una unica unità immobiliare sull’intera particella (una sola area libera [AL] e un solo corpo di fabbricato [CF1]);
  • aggiornamento del menù a tendina delle entità tipologiche con incremento del numero dei CF associabili (da CF1 a CF9)
  • inserimento nei campi “Rendita catastale” e “Valore complessivo” del quadro H2, della cifra in “€”.