Guida al servizio - Visura catastale telematica

Per utilizzare il servizio di visura catastale telematica è necessario essere registrati ai servizi finanziari online di Poste Italiane S.p.A..
Dopo aver accettato le condizioni di utilizzo e inserito il codice fiscale, il sistema verificherà che questo sia autorizzato all’uso dei servizi finanziari. In caso di esito negativo, il sistema avvertirà che l’accesso al servizio è consentito soltanto agli utenti che hanno effettuato la registrazione su Poste Italiane S.p.A.

Per richiedere una visura catastale si dovrà indicare in primo luogo l’Ufficio Provinciale – Territorio nel cui ambito di competenza si trovano gli immobili di interesse. Nella lista degli Uffici Provinciali non sono compresi Trento e Bolzano, i cui archivi catastali sono gestiti dalle rispettive province autonome.

E’ possibile scegliere di effettuare una visura per soggetto o per immobile. Effettuata la ricerca di un immobile censito al Catasto dei Terreni è possibile anche richiedere una visura della mappa.

Le visure saranno fornite su file in formato pdf.

Modalità di ricerca

Visura per soggetto

Si può richiedere la visura attuale per soggetto, ossia limitata agli immobili su cui il soggetto cercato risulti all’attualità titolare di diritti reali (non è al momento previsto il rilascio della visura per soggetto storica).
E’ possibile effettuare una ricerca sia per persone fisiche che per persone giuridiche, indicando, in alternativa, il codice fiscale o l’anagrafica completa: cognome e nome per la persona fisica,(sesso, luogo e data di nascita sono facoltativi); denominazione per la persona giuridica (la sede è facoltativa).
E’ necessario definire l’ambito della consultazione, specificando sia il tipo di catasto (Fabbricati, Terreni o entrambi), sia il territorio di interesse (singolo comune o intera provincia). Una volta indicato il comune e il tipo di catasto, si può limitare ulteriormente l’ambito territoriale inserendo il numero del foglio (fino a un massimo di tre, separati da una virgola) e, se richieste, le sezioni censuarie terreni o fabbricati e l’eventuale sezione urbana.

Indipendentemente dai parametri utilizzati per attivare la ricerca, il sistema restituirà:

  • in caso di esito positivo, la lista dei soggetti reperiti, dalla quale selezionare quello di interesse ai fini della richiesta di visura
  • in caso di esito negativo, uno specifico messaggio con cui si informa che il soggetto non è stato trovato nella banca dati catastale.

Visura per immobile

Si può richiedere la visura di un immobile conoscendone gli identificativi catastali.

Per attivare la ricerca si deve indicare il tipo di Catasto (Fabbricati o Terreni), il comune catastale e l’eventuale sezione, il foglio, la particella e l’eventuale subalterno.

In caso di omissione dei dati di sezione e/o subalterno, la ricerca produrrà l’elenco dei beni che risponde ai dati parziali forniti, dal quale si può selezionare l’immobile di specifico interesse ai fini della richiesta di visura.

E’ evidenziata anche l’eventuale presenza di unità immobiliari urbane graffate o di particelle terreni suddivise in porzioni, e le ulteriori informazioni di dettaglio sono consultabili attraverso un collegamento dedicato.

Alla conclusione della ricerca, agendo sui relativi pulsanti si può richiedere la visura attuale o storica dell’immobile selezionato.

Visura della mappa

In caso di immobili censiti al Catasto dei Terreni, è possibile richiedere anche una visura della mappa, agendo sull’apposito pulsante presente alla conclusione della ricerca.

Il documento fornito su file pdf in formato A4, contiene la rappresentazione grafica in scala dell’area, centrata sulla particella scelta, nella quale sono riportate le sagome degli edifici e delle particelle dei terreni con i relativi numeri di particella.

Se ne ricorrono le condizioni, sarà comprensivo anche delle mappe limitrofe, ossia delle particelle appartenenti ai fogli confinanti a quello in cui si trova la particella richiesta.

Non è prevista la possibilità di richiedere la stampa di un intero foglio di mappa.

Inoltro della richiesta di visura

Cliccando su qualsiasi pulsante “Visura”, si procede alla richiesta della visura stessa. È possibile quindi procedere al pagamento dei tributi dovuti oppure richiedere altre visure ed effettuare un pagamento complessivo. Non è possibile superare il limite di venti richieste contemporanee. Per poter inoltrare nuove richieste di visura oltre la soglia determinata, occorre effettuare il pagamento dei tributi dovuti per le visure già richieste.

Il rapporto tra ricerche effettuate e visure effettivamente richieste nella giornata non deve essere superiore a cinque. In caso di superamento della soglia l’accesso sarà bloccato fino alle ore 24.00 per utilizzo non coerente con le finalità del servizio.

Acquisto della visura

Si potrà procedere all’acquisto delle visure richieste tramite l’apposita voce di menù “Acquista visure”. In presenza di visure pronte per l’acquisto, richieste dall’utente nelle 24 ore precedenti, sarà mostrata la relativa lista dalla quale è possibile selezionare le visure di interesse.

Il sistema calcolerà l’importo totale dei tributi dovuti e attiverà la fase di pagamento secondo le modalità previste dai servizi di “Porta dei Pagamenti” di Poste Italiane S.p.A.

Oltre ai tributi catastali saranno addebitate anche le commissioni applicate da Poste Italiane, calcolate in base allo strumento di pagamento che si vorrà utilizzare (carta di credito, carta Postepay o Postepay Impresa, conto BancoPosta Online o BancoPostaImpresa Online).

Prelievo della visura

Conclusa, con esito positivo, la fase di pagamento, cliccando sul pulsante “Preleva visure” si accede alla pagina da cui effettuare il download delle visure acquistate.

Nella stessa pagina è disponibile, in formato pdf, anche la ricevuta di pagamento.

Tramite la voce di menù “Visure acquistate”, è possibile accedere alla funzione di prelievo dei documenti anche in un momento successivo alla fase di acquisto. In tale caso, per l’accesso ai documenti acquistati, sarà richiesto di inserire l’identificativo di pagamento rilasciato a conclusione della transazione di pagamento.

Qualora siano stati effettuati più acquisti, si potrà indicare un qualsiasi identificativo di pagamento, purché relativo a un acquisto eseguito negli ultimi sette giorni.

L’inserimento di un identificativo di pagamento valido renderà disponibili per il prelievo tutte le visure acquistate nel suddetto periodo e le relative ricevute di pagamento. Saranno evidenziati i documenti già prelevati con il simbolo di spunta.