Costituzione e registrazione di una società

Ultimo aggiornamento: 12/12/2020

Per avviare una nuova impresa in Italia è necessario iscriversi al Registro delle Imprese gestito dalle Camere di commercio. L’iscrizione è obbligatoria per tutti gli imprenditori che svolgono una delle seguenti attività:

  • produzione di beni e servizi
  • intermediazione nella circolazione dei beni
  • attività di trasporto di cose e di persone per terra per acqua e per cielo
  • attività bancaria ed assicurativa
  • attività ausiliaria delle precedenti (agenzia, mediazione, ecc.)
  • attività agricola (per questa attività l’iscrizione è facoltativa al di sotto di un determinato volume d’affari). 

Come iscriversi al Registro delle Imprese

 

Per iscriversi al Registro delle Imprese occorre compilare la Comunicazione Unica d’Impresa, una procedura telematica, gestita dalle Camere di Commercio, che consente di ottenere anche il numero di Partita Iva/Codice fiscale, l’apertura della posizione assicurativa e di quella previdenziale.

Per inviare la Comunicazione Unica è necessario:

  • aderire al servizio gratuito Telemaco,
  • essere in possesso di una firma digitale e
  • essere in possesso di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).

Come cancellarsi

 

Al termine della loro attività, le società devono cancellarsi dal Registro delle Imprese. La cancellazione avviene dopo la fase dello scioglimento e della eventuale liquidazione della società, le cui cause vengono stabilite dalla legge.

La cancellazione della società può avvenire anche a seguito dell’avvio di una particolare procedura stabilita dall’autorità giudiziaria, attivata in caso di dissesto economico dell’imprenditore commerciale, per tutelare i creditori dell’impresa. Gli esempi più frequenti sono:

  • fallimento
  • concordato preventivo
  • liquidazione coatta amministrativa
  • amministrazione straordinaria speciale

La richiesta di cancellazione dal Registro delle Imprese va presentata in via telematica alla Camera di Commercio competente, tramite una pratica di Comunicazione Unica composta da:

  • modello di Comunicazione Unica
  • modello per il Registro delle Imprese

Se la variazione coinvolge anche altri Enti, va integrata con:

  • modello per l’Agenzia delle Entrate
  • modello per l’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale)
  • modello per l’INAIL (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro)
  • eventuale SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per il SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive).

Per maggiori informazioni consultare la sezione dedicata sul sito del Registro delle Imprese.